Sobre nosotros

Home > Aspetti Emozionali > Convivere con le emozioni durante la Riproduzione Assistita

Convivere con le emozioni durante la Riproduzione Assistita

411
0

Bisogna iniziare col non rifiutare tutto quello che prova. Accetti queste emozioni, ci faccia la pace.

Quando non riusciamo a concepire un bambino in modo naturale, ci vediamo immersi ogni giorno in una marea di emozioni spesso difficili da controllare. Senso di colpa, tristezza, ansia, shock, rabbia, impotenza, senso di solitudine… È quindi fondamentale poter arrivare a dominare le emozioni e riuscire a gestirle perché lasciarsi pervadere da emozioni negative è un fattore di malessere fisico e mentale, e le conseguenze potrebbero essere notevoli.

Cosa fare quando si sente pervasa da un’infinità di emozioni?

Innanzitutto, bisogna iniziare col non rifiutare tutto quello che prova. Accetti queste emozioni, ci faccia la pace. Sono sentimenti completamente legittimi, poiché sta attraversando quella che senza orma di dubbio è la prova più difficile per una coppia che si ama. A questo punto, le definisca con la maggior precisione possibile. Ad esempio, invece di dire “non sto bene”, dica “mi sento ansiosa, o triste, o provo rabbia”.

Più precisa riesce a essere con le Sue emozioni, più facile sarà trovare un modo di domarle. Ad esempio, se è arrabbiata, si chieda cosa può fare per cambiare questa situazione e smettere di sentirsi così. Nel caso dell’infertilità, c’è poco da fare e Lei non è l’unica colpevole, per cui la rabbia non serve a niente.

Si fidi dell’équipe medica, loro troveranno una soluzione a questa infertilità. Allo stesso modo, se prova invidia della Sua amica incinta, pensi che anche se tutti smettessero di avere bambini la Sua situazione non cambierebbe. Bisogna accettare che altre coppie non abbiano nessuna difficoltà a concepire un bambino. Se è triste, cerchi di trovare un’attività allegra e che La faccia ridere.

Guardi una commedia in televisione o al cinema, legga un libro divertente, vada a trovare un’amica che sappia sollevarLe il morale e La faccia sentire bene. Mantenga la mente occupata, perché se è impegnata Le sarà più facile dimenticare i problemi.

Non è sola

Non esiti a chiedere aiuto. Si rivolga a uno psicologo, ne parli con le Sue amiche più strette, partecipi a un gruppo di appoggio o si metta in contatto con un coach. Cerchi e trovi chi La faccia sentire bene, o l’attività che Le permetta di controllare meglio le Sue emozioni: rilassamento, meditazione, esercizi di respirazione, attività corporali o artistiche…

Si conceda piccoli capricci, o addirittura minuscoli, ma se li conceda! Le daranno emozioni positive e miglioreranno il Suo benessere quotidiano.

Osservi i colori del tramonto, respiri il profumo di un fiore, ascolti il cinguettio degli uccelli o il crepitio del fuoco nel camino. Viva il momento presente.

Non si ossessioni con quello che ancora non ha e viva la giornata con un punto di vista positivo. Il sole tramonta ma poi sorge di nuovo, fino a che un bel giorno si sveglierà e il Suo sogno sarà diventato realtà.

Frédérique Vincent
Dopo aver terminato gli studi, Frédérique Vincent fa la valigia e va in Inghilterra. Lì conosce il suo futuro marito. Si sposano nel 2008. I mesi e gli anni passano molto veloci senza che arrivi una gravidanza. All’inizio non importa: sono molto occupati con il loro tempo libero, lo sport e i viaggi. Poi però, il desiderio di avere un figlio diventa un’ossessione. Quando inizia il trattamento di fertilità, decide di iniziare a scrivere il suo diario di donna infertile. Molto velocemente, le persone a lei vicine la incitano a continuare a dare la sua testimonianza… Oggi è madre di tre bambini e autrice di La promesse du mois, libro testimonianza dell’infertilità.

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 1,00 out of 5)
Cargando…

Lascia un commento

Recent Posts

Start typing and press Enter to search