Sobre nosotros

Home > Innovazione > Eugin punta sulla ricerca per migliorare le possibilità di gravidanza delle sue pazienti

Eugin punta sulla ricerca per migliorare le possibilità di gravidanza delle sue pazienti

in Innovazione
388
0

La clinica apre un laboratorio di proprietà nel Parc Científic di Barcellona

laboratorio

Eugin vuole unire gli sforzi, affinché il maggior numero di donne che lo desiderano riesca a rimanere incinta e, per questo motivo, lo scorso 3 giugno, la Clinica ha aperto il proprio laboratorio di ricerca nel prestigioso Parc Científic di Barcellona.

Il nuovo laboratorio è specializzato in biologia cellulare e molecolare nella riproduzione e l’impegno sarà mirato a stabilire le cause per cui alcune donne non possono rimanere incinte. Eugin farà un passo oltre alla diagnosi e lavorerà intensamente per riuscire a dare una soluzione a quei casi che al giorno d’oggi sono impossibili o molto difficili da trattare.

Diretto dalla direttrice scientifica di Eugin, Rita Vassena, il team di ricercatori del centro dedicherà una delle linee di ricerca allo studio degli ovuli umani. La sfida è quella di trovare nuove tecniche che permettano di individuare quegli ovuli con la più elevata possibilità di portare alla gravidanza in seguito alla fecondazione con lo spermatozoo.

Nel laboratorio di Eugin si studieranno anche le alterazioni degli spermatozoi che possono causare diversi tipi di infertilità maschile e si lavorerà sullo sviluppo di procedure più efficienti per preparare l’embrione al fine di migliorarne l’impianto nell’utero materno.

Anche Montserrat Barragán, chimica di grande esperienza e fama nella ricerca, farà parte di questo nuovo progetto.

Una ricerca con risultati a breve termine

“Lavorare nel nuovo laboratorio implica una nuova sfida nonché un privilegio”, assicura la ricercatrice Rita Vassena. “Per noi è fonte di grande motivazione: il risultato delle nostre ricerche si potrà applicare a breve termine e questo significa aiutare un numero maggiore di pazienti a realizzare il proprio sogno di diventare genitori”, aggiunge.

Secondo la ricercatrice “si tratta di poter effettuare sperimenti con ovuli e spermatozoi per comprendere i meccanismi più basilari della riproduzione e dedurre quindi ulteriori cause dell’infertilità che fino ad ora sono ignorate o sconosciute”.

Vassena matura una solida esperienza come ricercatrice in Canada e Stati Uniti, con un percorso di oltre quindici anni alle spalle. Una passione che sin da ragazzina è stata la sua vocazione: aveva solo diciannove anni e già trascorreva i pomeriggi nel laboratorio di ricerca dell’università in cui lavorava raccogliendo campioni e compiendo i primi passi nel mondo della ricerca.

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Lascia un commento

Messaggi consigliati

Start typing and press Enter to search