Sobre nosotros

Home > Fertilità > Gemelli: un desiderio abituale

Gemelli: un desiderio abituale

8.983
81

Le gravidanze gemellari aumentano le possibilità di eventuali rischi associati alla gravidanza

 

Gemelli: un desiderio abituale

 

Il desiderio di rimanere incinta, in alcune occasioni, è accompagnato dall’illusione che tale gravidanza sia oltretutto gemellare. Questa speranza può essere più vicina alla realtà quando si ricorre a tecniche di riproduzione assistita, poiché nei trattamenti di fecondazione in vitro è possibile, sempre su consiglio del medico, trasferire più embrioni.

L’obbiettivo principale del trasferimento di più embrioni, non è di ottenere una gravidanza gemellare, bensì di aumentare le possibilità di gravidanza. Tuttavia, trasferendo più embrioni, aumentano le possibilità di avere più di un bambino.

“L’obbiettivo della riproduzione assistita è di concepire un figlio sano”, spiega la dott.ssa María Jesús López, specialista in Riproduzione Assistita della Clinica Eugin. “Quando qualcuno pensa di avere dei gemelli, si immagina quanto deve essere bello avere in casa due bambini, senza prendere in considerazione le peculiarità di una gravidanza di questo tipo”, assicura. “Tutte le gravidanze comportano determinati rischi”, afferma la dott.ssa López, “ma nel caso delle gravidanze gemellari, questi rischi aumentano, pertanto è necessario valutare ogni singolo caso prima del trasferimento embrionale”.

“Oggigiorno, grazie al normale follow-up, dal punto di vista medico le gravidanze gemellari si possono includere tra le opzioni”, prosegue la dott.ssa López. “Tuttavia, la soluzione ideale continua ad essere una gravidanza singola”, aggiunge.

Un massimo di 3 embrioni

Ai sensi della legge vigente in Spagna, durante un trattamento di riproduzione assistita, è permesso trasferire a una donna un massimo di 3 embrioni. In donne di oltre quaranta anni di età che utilizzino i propri ovuli, si potrebbe consigliare di trasferire fino a tre embrioni, poiché il rischio di avere una gravidanza multipla sarà estremamente ridotto.

Probabilità di gravidanza

La probabilità di gravidanza dopo un trattamento di riproduzione assistita non dipende solo dal numero di embrioni trasferiti, bensì dalla qualità degli ovuli della donna, che è direttamente correlata alla sua età.

“Ad ogni modo”, conclude la dott.ssa López, “una volta nota l’anamnesi, sarà il medico a consigliare il numero di embrioni da trasferire in base al caso”. In mancanza di controindicazioni mediche per la gravidanza gemellare, la futura mamma deciderà insieme al partner, se ce l’ha, se farsi trasferire uno o due embrioni.

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...
Showing 81 comments
  • Teresa
    Rispondi

    Gentile dottore ho 30 anni , e dovrò fare una fivet , qualora scegliessi la vostra sede di Modena , vorrei sapere se posso trasferire 2 embrioni ( spero di ottima qualità ) in quanto trasferendone solo uno mi sembra di avere troppe poche possibilità, vorrei sapere se da voi sarebbe possibile? Ho il potere decisionale dì fare ciò, e cioè di decidere di fare impuantare 2 emvrioni o se il medico dice dì no , non posso ?

  • Stella
    Rispondi

    Gentile dottoressa ho trasferito due blastocisti in data 5 luglio ed ho fatto le beta il 17 luglio. Erano molto alte (868).Ho 41 anni e le blastocisti sono state ricavate dai miei ovociti che avevo congelato a 40 anni. Ho rifatto le beta il 20 luglio e il valore non mi sembra buono se paragonato a quello iniziale (1437 effettuato in un altro laboratorio). É possibile che fossero 2 ad essersi impiantati ed uno rimasto, so che solo l’ecografia può dirlo, ma vorrei capire se dalle beta si può ipotizzare questa cosa..grazie

    • EUGIN
      Rispondi

      Gentile Stella,
      La ringraziamo per il Suo interesse e per aver partecipato a questo spazio con la Sua storia.
      Come Lei ben dice, l’ecografia è l’esame che determinerà se i due embrioni si sono sviluppati correttamente. Tuttavia, con i dati da Lei forniti non possiamo sapere se è avvenuto l’impianto di entrambi. In base alla nostra esperienza, la cosa più importante è che il valore aumenti in 24-48 ore. Un mese dopo il trasferimento, sarà l’ecografia a togliere ogni dubbio.
      Ci auguriamo che Lei ottenga la gravidanza e restiamo a Sua disposizione in caso di altri dubbi.
      Cordiali saluti dal team Eugin

  • lory
    Rispondi

    Ciao propio ieri al san raffaele mi hanno trasferito 2 embrioni. …uno di ottimo stato e uno buono! Secondo voi andrà a buon fine…..ho 36 anni e la prima ciao lory

    • EUGIN
      Rispondi

      Gentile Lory,
      La ringraziamo per aver condiviso con noi il Suo caso.
      Le possibilità di ottenere una gravidanza dipendono dalla tecnica realizzata e soprattutto dall’età della donna perché è quella che è determina la qualità degli ovuli e quindi degli embrioni che si generano.
      Inoltre, ogni centro ha le proprie percentuali di successo e La invitiamo a consultare le nostre in modo che possa farsi un’idea approssimativa di quali sono le Sue possibilità:
      https://www.eugin.it/rimanere-incinta/percentuali-di-successo

      Tuttavia, il Suo medico conosce tutti i dettagli del Suo caso e potrà darLe queste informazioni.
      Augurandoci che possa presto ottenere un risultato positivo, restiamo a Sua disposizione per risolvere qualsiasi altro Suo eventuale dubbio.

      Cordiali saluti dal team Eugin
      Dott.ssa Marta Trullenque
      Specialista in riproduzione assistita della Clinica Eugin

  • Francesca
    Rispondi

    Gent.ma Clinica Eugin,

    mi chiamo Francesca e ho 43 anni. Il 14 febbraio ho scoperto di essere incinta dopo una fivet ma alla nona settimana non c’era il battito e l’embrione aveva fermato la sua crescita una settimana prima. Ho dovuto fare un raschiamento il 17 marzo e il 21 aprile avevo il primo ciclo. Dopo il ciclo ho riprovato a concepire naturalmente e sono sicura che ho ovulato, in quanto ho provato lo stick e risultava positivo. La mia domanda e’ la seguente: dal momento che abbiamo 4 blastocisti congelati e’ opportuno riprovare subito o sarebbe meglio aspettare altri mesi? Grazie

    • EUGIN
      Rispondi

      Gentile Francesca,
      ci dispiace quanto successo.
      Il nostro consiglio, dopo un raschiamento, è di aspettare due cicli mestruali per iniziare con il terzo la preparazione dell’endometrio per il nuovo trasferimento embrionario.
      Augurandoci che possa ottenere presto una gravidanza, restiamo nel frattempo a Sua disposizione per rispondere a qualsiasi altra domanda Lei voglia sottoporci.

      Cordiali saluti dal team Eugin

  • Katia
    Rispondi

    Buongiorno io ho fatto in data 13 aprile 2016 il pick up avevo 7 follicoli nell ovaio sinistro Tutti prelevati e ricavati quattro ovociti oggi 15 aprile avrei dovuto fare il transfer mi è stato detto che tutti e 4 si erano fecondati ma a seguito di una ecografia interna mi hanno rimandato il transfer a lunedì 18 aprile perché le ovaie erano gonfie per via di una iperstimolazione mi auguro che ora di lunedì la situazione sia rientrata nella norma ma la mia paura è che sopravviveranno tutti e 4 gli embrioni fino a lunedì e quindi saranno poi blastocisti lunedì quindi ? Grazie

  • Claudia
    Rispondi

    Ciao ho 43 anni e ho fatto a novembre una ovonodazione con campione fresco e ovuli di donatrice di 33 anni congelati. Oggi ho fatto le beta e purtroppo sono negative. Mi sorgono tanti dubbi sulla clinica, ossia età donatrice molto avanzata considerando la mia età è trasfer al secondo giorno senza avere neanche una proposta al quinto giorno. Reputo che l’80 % di successo che la clinica pubblicizza sia non reale e sono molto delusa.

    • EUGIN
      Rispondi

      Gentile Claudia,

      Ci dispiace moltissimo per il Suo risultato negativo.
      Capiamo perfettamente che in questi momenti Le sorgano molti dubbi sui motivi per i quali non ha potuto ottenere una gravidanza.
      Per quanto riguarda l’età della donatrice, La informiamo che la legge stabilisce che la donatrice abbia un’età compresa tra i 18 e i 35 anni e inoltre i nostri studi hanno dimostrato che la probabilità di gravidanza è la stessa durante il periodo compreso tra queste età, per cui siamo certi che non abbia influenzato il risultato.
      Dall’altro lato, l’embriologo, una volta valutata la qualità degli embrioni e il loro potenziale per poter essere impiantati successivamente nell’utero, prende la decisione sul miglior momento in cui realizzare il transfer.
      Questa decisione dipende anche dal numero di embrioni di cui si disponga, dalla loro qualità e dalla cartella clinica della paziente per cui il nostro consiglio è quello di trasmettere questi dubbi al Suo ginecologo affinché possa fornirLe tutte le spiegazioni di cui Lei abbia bisogno tenendo presenti i dettagli particolari del Suo caso.
      In generale, in Eugin siamo soliti trasferire gli embrioni che dimostrano un potenziale sufficiente nel loro secondo o terzo giorno, dato che a volte attendere il quinto giorno, ovvero il momento in cui si trova già nella fase di blastocito, può mettere a rischio la sopravvivenza dell’embrione.
      Le consigliamo la lettura di un articolo che abbiamo scritto proprio su questo tema nel nostro blog, sperando che possa aiutarLa a chiarire i Suoi dubbi:
      http://fivet.eugin.it/il-trasferimento-dellembrione-il-giorno-3-il-giorno-5/


      La tecnica di Fecondazione in vitro con ovuli di donatrice è quella che offre le possibilità più alte di gravidanza così come potrà verificare nel nostro sito:
https://www.eugin.it/rimanere-incinta/percentuali-di-successo .
      Ad ogni modo, nessun trattamento di riproduzione assistita può garantire una gravidanza al 100% e i professionisti della riproduzione assistita siamo consapevoli che c’è ancora molto da fare: è per questo motivo che continuiamo a fare ricerca per poter aumentare queste possibilità.
      Nel caso in cui Lei desideri iniziare un nuovo trattamento, il nostro consiglio è quello di mantenere prima una conversazione con il Suo ginecologo per valutare il Suo caso e chiarire tutti i Suoi dubbi.
      Nel frattempo, conti su tutto il nostro appoggio per rispondere a qualsiasi altra Sua eventuale domanda.

      Cordiali saluti dal team Eugin

  • maya
    Rispondi

    salve.avrei molto bisogno di un parere.ho fatto un trattamento con perugon 50 per 10 giorni.finito il giorno 14,il 15 2 gonadi 5000,nello stesso giorno.adesso sono incinta.ce la possibilità di avere una gravidanza gemellare?alla prima eco c”era un embrione.a 6 settimane si vedevano 2 ochetti in certe posizioni.il medico a detto di aspettare e di rifare l”ecografia.voi cosa ne pensate?

    • EUGIN
      Rispondi

      Gentile Maya,

      La ringraziamo per averci esposto i Suoi dubbi.
      Generalmente alle 6 o 7 settimane di gravidanza si può già vedere se c’è uno o due sacchi, ma a volte si fa qualche difficoltà a sentire il battito degli embrioni per assicurare che la gravidanza gemellare è evolutiva. In caso di dubbi, si è soliti ripetere l’ecografia dopo circa 7 o 10 giorni per poterne confermare l’evoluzione.

      Sperando che possa presto sciogliere i Suoi dubbi, restiamo a Sua disposizione per rispondere a qualsiasi altra domanda Lei voglia porci.
      Cordiali saluti dal team Eugin

  • veronica
    Rispondi

    Sono veronica…fatto il trasferimento di blastocisti al 5 giorno inserito solo uno…tra due giorni beta. .sintomi dolori che vengono e che vanno e avvolte brividi di freddo e più fame speriamo bene. .il mio primo tentativo

  • Alexandra
    Rispondi

    Ciao… ma come faccio a fare l’inseminazione?
    Sono 3 anni che proviamo ed ho 35 anni… il mio medico dice di aspettare e non mi prescrive nessuna analisi. Vorrei farlo di mia iniziativa. Quale è stato il vostro primo passo?

    • EUGIN
      Rispondi

      Gentile Alexandra,

      La ringraziamo per aver condiviso con noi il Suo caso. In un trattamento di inseminazione artificiale, il primo passo da fare consiste nel recarsi presso la nostra clinica di Barcellona per una prima visita con il medico specialista in riproduzione assistita. Durante questa visita, si valuterà il Suo caso in base alla Sua cartella clinica, alla Sua situazione personale e ai risultati degli esami medici preliminari che Le avremo richiesto, o che può decidere di realizzare nella nostra clinica durante la Sua prima visita per Sua maggior comodità. Durante questa visita, il medico Le spiegherà inoltre tutti i dettagli del trattamento e risolverà i Suoi dubbi. (Questa prima visita può essere realizzata il fine settimana, se lo preferite).

      Una volta a casa, Lei potrebbe iniziare il trattamento che le avremo indicato, e la nostra équipe medica, con la collaborazione del Suo team di coordinatori, eseguirebbe l’osservazione del Suo caso a distanza.

      A tale scopo sarebbe necessario che durante il trattamento Lei andasse dal Suo ginecologo abituale per realizzare dei controlli (2-3), e che ci facesse avere dei dati dopo ogni controllo in modo da poter sapere in ogni momento come sta rispondendo al trattamento così da poter darle nuove indicazioni per quanto riguarda medicazione e/o decidere se Lei è già pronta per la Sua seconda visita alla nostra Clinica.

      Nella Sua seconda visita a Barcellona si realizzerebbe l’inseminazione, e trascorse due settimane potrebbe già realizzare il Suo test di gravidanza. Può trovare maggiori informazioni su questo trattamento anche in questa sezione del nostro sito: http://www.eugin.it/trattamenti/inseminazione-artificiale.

      Sperando di aver risposto alla Sua domanda, restiamo a Sua disposizione per rispondere a qualsiasi altro eventuale dubbio che possa sorgerle su questo trattamento o, se preferisce un’attenzione più personalizzata, può mettersi in contatto con il nostro team di attenzione al paziente al numero (+34) 93 322 11 22, che La richiamerà immediatamente. Inoltre, se lo desidera, può scriverci con maggior riservatezza sul nostro sito: http://www.eugin.it/clinica-riproduzione-assistita/contatto. Saremo lieti di aiutarla.

      Cordiali saluti dal team Eugin e a presto! http://www.eugin.it/

  • Annalisa
    Rispondi

    Eccoci a casa…dopo 10 gg stupendi passati a Barcellona! Abbiamo fatto ovo il 27/07 u.s. di due bellissimi embrioni in 3 giornata ed ora aspetto il giorno delle beta: 11/08.
    In clinica sono stati tutti magnifici e li ringrazio ancora!
    Sintomi: booooh… Zero! Nei precedenti tentativi di omologhe ho sentito di tutto e di più ma questa volta dimentico spesso di essere in cova per come mi sento bene!
    Sì! Devo aspettare e aspetterò come ho sempre fatto!
    Buona giornata a voi tutti!!!

  • federica
    Rispondi

    il 20 maggio ho fatto il transfer di un embrione in 3 g scongelato.A chi é andata bene con un solo embrione e che sintomi avete accusato?

    • EUGIN
      Rispondi

      Gentile Federica,
      La ringraziamo per partecipare a questo blog e per condividere il Suo caso con noi.
      Speriamo che anche altre donne decidano di scrivere per risponderLe e poter condividere con Lei la loro esperienza.

      Per quanto ci riguarda, La informiamo che i sintomi che possono comparire dopo un trasferimento variano molto (molestie simili al ciclo o anche piccole perdite). A volte, ci sono
      donne che non accusano nessun tipo di sintomo senza che questo significhi che non si possa ottenere una gravidanza.

      Cogliamo l’occasione per indicarLe tre articoli che abbiamo scritto di recente riguardanti il periodo di attesa fino al test di gravidanza, e che speriamo possano esserLe utili in questo momento:


      http://fivet.eugin.it/sintomi-e-sensazioni-dopo-il-trasferimento-embrionale-cosa-indicano
      http://fivet.eugin.it/le-due-settimane-di-attesa
      http://fivet.eugin.it/condurre-una-vita-normale-dopo-un-trasferimento-embrionale

      Per qualsiasi altro dubbio Le possa sorgere in questi giorni non esiti a contattarci di nuovo, saremo lieti di poter risponderLe, e soprattutto ci auguriamo che il risultato del test di gravidanza sia positivo.

      Cordiali saluti dal team Eugin

  • Side
    Rispondi

    Buona sera il nostro trattamento è l’inseminazione artificiale da 6 giorni ho iniziato il trattamento con il Puregon devo dire che fino ad ora sto benissimo non ho nessun sintomo… ho fatto il primo controllo e fino ad ora tutto bene la clinica mi sta vicino e io mi sento di aver fatto la scelta giusta spero di continuare così… Alla prossima….

  • Side
    Rispondi

    Buona sera ieri ho fatto la prima visita alla Clinica Eugin sono molto felice di esserci andata mi sono trovata davvero bene! Tutti i medici sono gentili e professionali perché ti ascoltano e non ti giudicano e trovano la miglior soluzione per te!! Sono in attesa di sapere quale sarà il nostro trattamento vi tengo aggiornate…. Saluti!!

    • EUGIN
      Rispondi

      Gentile Side,
      Grazie mille per le Sue parole.
      Ci fa molto piacere sapere che vi siete sentiti ben seguiti da tutto il team Eugin e speriamo di potervi aiutare a ottenere la gravidanza.
      Metteremo tutto il nostro impegno, la nostra professionalità e il nostro entusiasmo perché ciò avvenga.

      Un saluto affettuoso dall’équipe EUGIN e… a presto!

  • Sara Carbonaro
    Rispondi

    Spero di poter essere anche io una mamma felice grazie a voi..mancano ancora 5 giorni per l’ esito,ma credetemi non passano piu’ questi giorni..e la mia speranza inizia a scemare. Ho tanta paura,ma vi ringrazio per la vostra competenza e umanita’.

    • EUGIN
      Rispondi

      Cara Sara,
      La ringraziamo per le parole rivolte al nostro team e anche per aver condiviso con noi la Sua preoccupazione.

      Speriamo davvero che l’imminente risultato del Suo test di gravidanza sia positivo e, se così non fosse, il fatto che Lei abbia potuto realizzare un trattamento di riproduzione assistita quando la natura per un motivo o per un altro Le rendeva difficile una gravidanza ha già significato un passo avanti e un’opportunità in più per riuscire a diventare madre.

      Nel frattempo, vogliamo trasmetterle tutto il nostro sostegno e speriamo di ricevere Sue notizie al più presto. Sa già che può contare sempre sul nostro appoggio.

      Un affettuoso abbraccio dall’équipe Eugin

  • Margherita
    Rispondi

    Grazie ancora di cuore a tutti i membri della clinica Eugin, siete speciali, molto ma molto umani, e questo è di fondamentale importanza perchè noi donne con tanta sofferenza alle spalle, abbiamo bisogno proprio di questo, di sapere che possiamo contare in qualsiasi momento di esperti come voi!!! La positività che emanate serve a noi ad andare avanti e a non scoraggiarci mai…grazie ancora!!! Un bacione a tutto lo staff…p.s. la penna con gli ovociti che mi avete regalato alla prima visita mi ha portato fortuna 😉 (scherzo!!!) grazie ancora

Lascia un commento

Messaggi consigliati

Start typing and press Enter to search