Sobre nosotros

Home > Glossario
Azoospermia:

Consiste nell’assenza di spermatozoi nel liquido seminale. Si parla diazoospermia ostruttiva quando è dovuta ad una ostruzione che impedisce agli spermatozoi provenienti dai testicoli di unirsi al resto dei fluidi che costituiscono il liquido seminale; e di azoospermia non ostruttiva quando i testicoli non producono una quantità normale di spermatozoi.

Criopreservazione/crioconservazione:

È un processo di conservazione delle cellule realizzato mediante il congelamento delle stesse in azoto liquido a -196 °C.

 

Diagnosi Genetica Preimpianto (DGP):

È una tecnica di laboratorio che consiste nell’individuazione di quegli embrioni che sono portatori di qualche anomalia genetica.

Ciò è possibile grazie allo studio previo del DNA (materiale genetico) degli embrioni, al fine di selezionare quelli che presentano determinate caratteristiche o scartare quelli che presentano alterazioni genetiche.

È consigliata quando in famiglia sono presenti precedenti malattie genetiche o cromosomiche trasmissibili. Per questo processo sono indispensabili tecniche di Fecondazione in Vitro per poter ricavare il materiale genetico che verrà poi studiato.

Ecografia transvaginale:

L’ecografia è una tecnica diagnostica che permette, attraverso gli ultrasuoni, di visualizzare gli organi interni del corpo. Nel caso dell’ecografia transvaginale, si ottengono immagini ed informazioni molto complete sulla forma e la dimensione dell’utero, dell’endometrio e/o delle ovaie, nonché delle loro variazioni durante il ciclo della donna. È una tecnica che non richiede alcuna preparazione particolare da parte della paziente e consiste nell’inserimento di una sonda appositamente creata per essere inserita attraverso la vagina.

Endometriosi:

È una malattia che colpisce le donne e che consiste nella crescita di cellule endometriali (cellule che rivestono l’interno dell’utero) al di fuori della cavità uterina.

Durante il ciclo mestruale di una donna con endometriosi, queste cellule si trasformano, rispondendo con lo stesso comportamento dell’endometrio.

L’endometriosi può causare difficoltà a rimanere incinta.

 

Fecondazione in vitro (FIV):

Questa tecnica consiste nel mettere a contatto gli ovuli e gli spermatozoi selezionati dal liquido seminale. Si definisce in vitro, perché la fecondazione in sé si svolge fuori dall’organismo della donna. Gli ovuli fecondati daranno vita agli embrioni che verranno trasferiti nell’utero, dove continueranno a svilupparsi.

A volte, per la fecondazione in vitro, è necessario avere vari ovuli, quindi prima si procede alla stimolazione delle ovaie, mediante la somministrazione di ormoni, al fine di ottenere, se possibile, più di un ovulo alla volta.

 

Follicoli:

Sono strutture che si trovano all’interno delle ovaie e in cui gli ovuli si sviluppano e completano la loro maturazione.

 

ICSI:

La Fecondazione in vitro con microiniezione intracitoplasmatica di uno spermatozoo (ICSI) è una tecnica di fecondazione che consiste nell’iniettare uno spermatozoo all’interno di un ovulo. I passi precedenti e successivi alla fecondazione sono esattamente gli stessi (stimolazione ovarica, puntura follicolare e trasferimento degli embrioni), cambia solo la tecnica di fecondazione.

IMSI:

È la sigla che indica la Fecondazione in Vitro con Iniezione Intracitoplasmatica di Spermatozoi Morfologicamente Selezionati.

Consiste nel realizzare l’iniezione intracitoplasmatica di uno spermatozoo previamente selezionato mediante un microscopio con ingrandimento a più di 6000 volte.
Questo ingrandimento, 30 volte superiore alla norma, permette di visualizzare la morfologia interna degli spermatozoi.

Ormone follicolo-stimolante (FSH):

L’ormone follicolo-stimolante è un ormone gonadotropina che regola lo sviluppo, la crescita, la maturazione nella pubertà e i processi di riproduzione del corpo umano. Nella donna, stimola lo sviluppo follicolare nelle ovaie le quali, a loro volta, produrranno estradiolo. Con l’avanzare dell’età, la riserva ovarica di ovuli diminuisce in quantità e qualità e i livelli di questo ormone aumentano.

Ormone luteostimolante o luteinizzante (LH):

Questo ormone è coinvolto nello sviluppo dei follicoli, nel processo di ovulazione e nella secrezione di progesterone. Già durante la prima fase del ciclo mestruale inizia la produzione di una piccola quantità di LH, ma a metà del ciclo i livelli di questo ormone aumentano molto, attivando così l’ovulazione.

Ovocito o ovulo:

Una donna sana ha a disposizione nelle proprie ovaie, sin dalla nascita, una riserva di circa 400.000 ovuli. Durante il periodo fertile della sua vita, solo uno su mille (non più di 400) arriverà a completa maturazione e, di conseguenza, alla possibilità di essere fecondato.

Ovodonazione o donazione di ovuli:

È la donazione anonima, disinteressata e altruista di ovuli di una donna in età fertile, affinché un’altra donna possa avere un figlio. Questi ovuli provengono dalla riserva naturale esistente nelle ovaie e, molto probabilmente, non verrebbero mai utilizzati. Si potrebbe dire che è un modo di sfruttare degli ovuli che una donna non utilizzerebbe mai. In Spagna la donazione di ovuli è perfettamente regolata dalla legge. Le donatrici hanno tra 18 e 35 anni e sono sottoposte a rigorosi esami per scartare possibili malattie trasmissibili. La legge prevede inoltre che la donatrice e la ricevente, sebbene non si possano conoscere, debbano presentare caratteristiche fisiche simili.

Puntura follicolare (o aspirazione follicolare):

Il ginecologo effettua questa procedura per estrarre gli ovuli.

È un intervento semplice che si effettua in sedazione e che consiste nell’aspirazione del liquido dall’interno di ogni follicolo delle ovaie, poiché è qui che si trovano gli ovuli. La puntura viene guidata mediante ecografia attraverso la vagina e realizzata con un ago che aspira il contenuto dei follicoli (liquido follicolare) che viene trasferito direttamente alle provette e mandato al laboratorio di embriologia.

 

Sterilità:

È l’incapacità di contribuire al concepimento in modo naturale, sia da parte della donna, dell’uomo o di entrambi. Per il concepimento è necessario un tempo che può variare da sei mesi a un anno, in base anche all’età. Si consiglia di rivolgersi a uno specialista di riproduzione assistita se dopo un anno non si è riusciti a concepire e se si hanno meno di 35 anni (dopo sei mesi oltre i 35 anni).

Stimolazione dell’ovulazione:

La stimolazione dell’ovulazione è uno dei processi utilizzati nelle tecniche di riproduzione assistita al fine di ottenere uno o più ovuli.

Si somministrano pertanto dosi controllate degli stessi ormoni che produce biologicamente la donna, le gonadotropine (Ormone follicolo-stimolante o FSH e ormone luteinizzante o LH).

Durante il trattamento con questi ormoni è necessario sottoporsi a controlli periodici mediante un monitoraggio ecografico e, a volte, analisi per verificare lo sviluppo adeguato dei follicoli ovarici.

Questo monitoraggio ecografico consiste nella misurazione del numero e delle dimensioni dei follicoli che sono le strutture che accolgono e in cui di sviluppano gli ovuli.

 

Vitrificazione:

Si tratta della tecnica di criopreservazione che offre le migliori percentuali di sopravvivenza allo scongelamento.  È indicata per il congelamento sia di embrioni sia di ovuli. Durante il congelamento dell’ovulo, l’acqua contenuta all’interno si cristallizza e potrebbe danneggiare la parete della cellula. La tecnica della vitrificazione evita questo fenomeno.

 

Zigote:

Con questo nome si conosce la cellula generata dall’unione dello spermatozoo e dell’ovulo. Ovvero, lo zigote è l’ovulo già fecondato.

Zona pellucida:

È il rivestimento esterno dell’ovulo che gli spermatozoi devono attraversare per poter fecondare. Quando lo spermatozoo non arriva naturalmente, è necessario ricorrere alla tecnica di fecondazione ICSI.

Start typing and press Enter to search