Sobre nosotros

Home > Clinica Eugin > Ha qualche domanda su riproduzione assistita? Il Dott. Antonio La Marca risponde ai Suoi dubbi

Ha qualche domanda su riproduzione assistita? Il Dott. Antonio La Marca risponde ai Suoi dubbi

5.988
51

Con oltre 15 anni di esperienza come ginecologo specializzato in trattamenti di fertilità, il dottore aiuta ogni giorno donne italiane dalla Clinica Eugin di Modena.

Il Dottor Antonio La Marca è un esperto ginecologo ostetrico specialista in medicina della riproduzione. Da più di 2 anni assiste ogni giorno donne italiane che si rivolgono alla Clinica Eugin di Modena in cerca di una soluzione per ottenere la loro gravidanza.

Ha qualche dubbio su un trattamento di riproduzione assistita? Faccia la Sua domanda al Dott. La Marca nei commenti di questo articolo e il dottore Le risponderà in persona.

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (4 votes, average: 2,75 out of 5)
Loading...
Showing 51 comments
  • Sara
    Rispondi

    Buongiorno Dottore , le scrivo per sapere la sua opinione in merito ad una fivet che avrei dovuto fare, ma mi è stata stoppata perché non ho reagito bene alla cura farmacologica! Ho 41 anni e una figlia di 4 avuta con tc, ma subito è senza nessun problema, da un anno e mezzo cerchiamo un’altra gravidanza che non arriva, lo scorso dicembre ebbi un aborto spontaneo precoce, poi più nulla!!a luglio ci rivolgiamo ad un centro di infertilità pubblico, faccio due iui con esito negativo e successivamente vista la mia età, mi propongono una fivet!! Premetto che per entrambe le iui avevo maturato 3 follicoli di 20 e 21mm, con puregon 900 da 75 unità per sera e infine ovitrelle per lo scoppio,mio marito ha 43 anni e uno sperma ottimo, i miei esami ormonali sono buoni, ovulo regolarmente tutti i mesi, il mio tsh è basso, tube libere, antimulleriano 3.30…per eseguire fivet, inizio puregon 900, con 200 unità, dopo 4 gg eseguo eco e vedono 3 follicoli per ovaia, premetto che ovaia destra è difficilmente visibile, dicono retroversa, probabilmente a causa del tc, può essersi creata un aderenza…cmq mi aumentano puregon a 300 unità per sera e dal sesto gg inizio orgalutran al mattino, ne faccio 2 e eseguo la terza ecografia, dove vedono un solo follicolo predominante di 17 mm e altri piccoli, la destra non viene visualizzata.. Mi stoppano tutto,perché dicono che non vale la pena proseguire, trasformano la fivet in iui che eseguiro’domani mattina, ieri sera ovitrelle… Com’è possibile che con puregon più basso di dosaggio ho maturato 3 follicoli di 20e21 mm e con queste dosi più alte solo uno?? Il mio endometrio dopo i primi 4 gg era di 7.8 trilaminare, quindi stava crescendo bene… Molto probabilmente la mia ovaia retroversa è poco visibile li ha scoraggiati, solo che non mi aspettavo un esito del genere!! Ora lascio tutto così com’è, eseguo la mia ultima iui e mi metto col cuore in pace, probabilmente la mia età non mi permette di diventare mamma di nuovo!! Grazie mille!!!

    • Eugin
      Rispondi

      Buongiorno Sara, grazie per aver lasciato il Suo messaggio sul nostro Blog.

      L’età è il principale fattore di pronostico quanto vogliamo rimanere incinte.

      D’altro lato non sempre la risposta delle ovaie alla stimolazione è la stessa.

      Prima di dire che “abbandona” qualsiasi progetto può valutare con il Suo medico di fare un altro ciclo cambiando il farmaco utilizzato. Se dovesse avere la stessa risposta allora sì che Le consiglierei di fare un’ovodonazione o di smettere.

      La ringraziamo per il Suo messaggio e Le auguriamo Buone Feste.

      Dott.ssa Marta Trullenque

      Medico specialista in Riproduzione Assistita

  • Anna
    Rispondi

    Buongiorno riserva ovarica basso 0,52 inibina b ho fatto già 3 andate male vado direttamente a fare l’eter Ho ancora speranza grazie

    • Eugin
      Rispondi

      Buonasera Anna,
      di fatto, ci mancano dei dati, soprattutto il fattore età, perché in caso di una bassa riserva ma giovane in età probabilmente Le consiglieremmo di fare un tentativo con ovuli propri perché se abbiamo uno o due embrioni di buona qualità si può ottenere la gestazione.

      Se fosse più avanti con gli anni (oltre i 38-40 anni), probabilmente Le indicherei la donazione di ovociti per provare a ottenere la gestazione.

      Cordiali saluti,

    • Eugin
      Rispondi

      Buonasera Anna,
      di fatto, ci mancano dei dati, soprattutto il fattore età, perché in caso di una bassa riserva ma giovane in età probabilmente Le consiglieremmo di fare un tentativo con ovuli propri perché se abbiamo uno o due embrioni di buona qualità si può ottenere la gestazione.

      Se fosse più avanti con gli anni (oltre i 38-40 anni), probabilmente Le indicherei la donazione di ovociti per provare a ottenere la gestazione.

      Cordiali saluti,

  • Alessandra
    Rispondi

    Buongiorno

    soffro di ovaio policistico ma ho sempre avuto ciclo super regolare (da tre anni di 25 giorni). Ho effettuato esami ormonali di base e sono rimasta sconvolta dal risultato del progesterone (esami effettuati al 6 giorno del ciclo).

    TSH 0.82 μIU/ml
    FSH 4.6 mIU/ml
    Prolattina 10.5 ng/ml
    Estradiolo E2 31 pg/ml
    Progesterone <0.1 ng/ml (inferiore al valore minimo di menopausa!)
    AMH 5.0 ng/ml

    La mia ginecologa dice che il valore di progesterone é insufficiente anche solo per garantire gravidanza; gli altri valori sono OK. Devo rivederla per valutare cura di progesterone, ma in passato ho avuto tantissimi problemi assumendo progestinico oralmente (Cerazette).

    Secondo lei é il caso di rivolgerci già a un centro per l'infertilità (o in alternativa a un endocrinologo) o é troppo presto per trarre conclusioni. Come interpretare questo progesterone inesistente quando gli altri valori sembrano ok?

    grazie mille

    • Eugin
      Rispondi

      Gentile Signora
      le concentrazioni di progesterone sono normalmente basse durante la prima fase del ciclo mestruale. Lei ha fatto il prelievo ematico in 6° giornata del ciclo. Non c’è quindi da stupirsi del risultato. Il progesterone normalmente aumenta solo dopo l’ovulazione che si verifica a metà ciclo
      Una corretta valutazione per stabilire l’eventuale necessità di intervento medico per la fertilità della coppia deve tenere in considerazione molti aspetti oltre che i dosaggi ormonali, tra cui: età della paziente, pervietà tubarica, anatomia uterina, stato di salute del partner e qualità dello spermiogramma. Restiamo a vostra disposizione per un colloquio più approfondito.

      ALM

Lascia un commento

Recent Posts

Start typing and press Enter to search