Sobre nosotros

Home > Aspetti Emozionali > La maternità tardiva: follia o nuova realtà?

La maternità tardiva: follia o nuova realtà?

881
2

I progetti, il partner, la situazione economica e professionale ci portano ad avere figli sempre più tardi

La maternidad tardía, ¿una locura o una nueva realidad?

Abbiamo figli sempre più tardi: a 35, 40 e anche a 45 anni, e si tratta di una tendenza che non sembra destinata a cambiare. Il tempo dedicato allo studio che aumenta, la difficoltà di trovare un lavoro stabile, una relazione sentimentale solida che tarda a concretizzarsi o una relazione fallita, tutto ciò fa sì che si arrivi spesso a 40 anni e con un desiderio di diventare madre irreprimibile. È normale. Oggi, a 40 anni una donna è giovane, dinamica, attiva, autonoma e gode di buona salute per molti anni. È per questo che le donne stentano a credere che le loro ovaie invecchino e che il loro orologio biologico si svegli. Fino ad ora, non hanno sentito suonare la sveglia e possono ritenere ingiusto dover fare in fretta quando si sentono giovani e con tanti progetti per il futuro.

Se la donna gode di buona salute e la sua riserva ovarica è corretta, è perfettamente fattibile affrontare una gravidanza a quell’età. Come nel caso di qualsiasi altra gravidanza, dovrà passare il periodo dei primi tre mesi per scartare qualsiasi rischio di aborto. Con una buona osservazione medica e qualche precauzione, non dovrebbe esserci nessuna complicazione. È pur vero però che, nei casi di donne oltre i 40 anni, notiamo un leggero aumento di alcuni rischi come diabete gestazionale, taglio cesareo, placenta previa o parto prematuro.

Se la riserva ovarica non è sufficiente e i risultati non sono soddisfacenti neanche dopo esserci sottoposte a una stimolazione ovarica, allora dovremo pensare a una donazione di ovociti. In questo modo, si riuscirà a ottenere la gravidanza grazie agli ovociti di una donatrice più giovane. Questo ridurrà i rischi di anomalie cromosomiche e di aborti, sia a 40 anni sia a 45 anni quando l’équipe medica lo ritiene fattibile.

Alcuni studi hanno dimostrato che una maternità tardiva può essere collegata a un miglior benessere materno e a un maggior sviluppo socio-affettivo del bambino. Se il figlio nasce dopo un trattamento di riproduzione assistita e la madre ha avuto paura di non riuscire a diventarlo, assumerà questo ruolo con gratitudine. Consapevole del miracolo che è stato fatto, si sforzerà di essere all’altezza di quel dono che la vita le ha dato. E alla fine, è questo ciò che conta per il bambino. È vitale che si senta desiderato, amato e coccolato come un tesoro. L’età dei suoi genitori non è poi così importante…

Frédérique Vincent
Dopo aver terminato gli studi, Frédérique Vincent fa la valigia e va in Inghilterra. Lì conosce il suo futuro marito. Si sposano nel 2008. I mesi e gli anni passano molto veloci senza che arrivi una gravidanza. All’inizio non importa: sono molto occupati con il loro tempo libero, lo sport e i viaggi. Poi però, il desiderio di avere un figlio diventa un’ossessione. Quando inizia il trattamento di fertilità, decide di iniziare a scrivere il suo diario di donna infertile. Molto velocemente, le persone a lei vicine la incitano a continuare a dare la sua testimonianza… Oggi è madre di tre bambini e autrice di La promesse du mois, libro testimonianza dell’infertilità.

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Cargando…
Showing 2 comments
  • Simona
    Rispondi

    Ho appena compiuto 41 anni e la mia esperienza di pma è tragica. I primi 2 tentativi con IUI senza risultato, un tentativo di ICSI dove gli ovociti nn avevano i giusti parametri per essere fecondati col transfer. Un tentativo con ovodonazione con gravidanza extrauterina e successivo intervento d’urgenza per asportare la gravidanza e la tuba destra ormai compromessa. Ieri ho compiuto 41 anni e continuiamo io e mio marito a rincorrere un sogno irraggiungibile. Saluti

    • Eugin
      Rispondi

      Buonasera Simona e grazie per il Suo commento.
      Avete avuto proprio sfortuna ma se ve la sentita potreste realizzare un 2º ciclo di ovodonazione. Il rischio di gestazione extrauterina è sempre presente ma dato che Le hanno realizzato una salpingectomia, ora il rischio è minore.
      Speriamo che la nostra risposta Le sia utile. Un saluto!

      La ringraziamo fin d’ora, cordiali saluti dal team Eugin

Lascia un commento

Recent Posts

Start typing and press Enter to search