Sobre nosotros

Home > Fertilità > “L’ultimo giorno del trattamento è stato emozionante, delicato e intimo: il perfetto coronamento di un sogno”

“L’ultimo giorno del trattamento è stato emozionante, delicato e intimo: il perfetto coronamento di un sogno”

639
0

Quasi un anno fa, Laura e Valeria hanno realizzato il loro sogno di essere madri grazie alla riproduzione assistita. Oggi, il sorriso del piccolo Milo riempie di felicità queste due donne socialmente impegnate

“L’ultimo giorno del trattamento è stato emozionante, delicato e intimo: il perfetto coronamento di un sogno”
Contemporaneamente alla decisione di formare una famiglia, hanno creato Diversamente mamme, un blog di riferimento in Italia dal quale hanno condiviso la loro esperienza personale e non hanno smesso di insistere sul riconoscimento legale e sociale delle coppie omosessuali e dei loro figli.

Per voi, ricorrere alla riproduzione assistita è stato qualcosa di naturale.
Certamente. In quanto coppia lesbica, non avremmo potuto diventare madri senza la riproduzione assistita, e ci è sempre sembrata un’opzione normale. La nostra esperienza, inoltre, è stata estremamente positiva: è stato facile mettersi in contatto con la clinica e i costi non hanno rappresentato un problema. Ci siamo trovate inoltre con un approccio rispettoso che ha permesso che ci sentissimo tutelate come coppia e come donne, dato che siamo state accolte con grande affetto e professionalità.

Qual era la vostra maggiore preoccupazione prima di iniziare?
Ci preoccupava dover affrontare un’esperienza così importante in un paese diverso dal nostro: questo ci sembrava uno scoglio enorme. Temevamo anche costi elevati, trattamenti invasivi… Non eravamo sufficientemente informate!

Come lo avete risolto?
Abbiamo iniziato a fare un passo dopo l’altro: per prima cosa, cercando le giuste informazioni e poi stabilendo i primi contatti con la clinica. Ritenevamo importante poter conoscere il loro modo di lavorare, in particolare rispetto alla selezione dei donatori e alla qualità e conservazione dello sperma. Una volta parlato con la clinica, ci siamo rese conto che non potevamo essere più sicure rispetto a quello che avremmo ricevuto. Abbiamo iniziato a vedere tutto più chiaro e il progetto iniziò a concretizzarsi spontaneamente.

Pensando oggi all’ultima fase del trattamento, avete buone sensazioni?
Non potremmo avere un ricordo più bello di quella giornata. È stato emozionante, delicato, intimo, insomma: il perfetto coronamento di un sogno.

Parliamo del vostro piccolo Milo. Avete già pensato a come raccontargli il modo in cui è stato concepito?
Certo! Abbiamo pensato tanto a questo prima che decidessimo di concepirlo. Nostro figlio saprà da subito com’è nato, ovviamente glielo spiegheremo con gli strumenti e le parole adatte alla sua età. Di fatto, abbiamo già in casa molti libri per bambini che raccontano il nostro percorso con magnifiche illustrazioni e termini appropriati, come ad esempio Perché hai due mamme?, Piccolo uovo o Some people have two mums. Inoltre siamo iscritte a Famiglie Arcobaleno, un’associazione che ci permette di parlare con altri genitori e trarre vantaggio dalla preziosa esperienza di chi ha percorso questo sentiero prima di noi.

Così è come avete condiviso la vostra esperienza con altre coppie. È stato questo il motivo per cui avete creato anche il vostro blog?
Abbiamo deciso di scrivere Diversamente mamme e di raccontare la nostra storia perché riteniamo che sia utile fare della corretta informazione. Contemporaneamente al progetto di formare una famiglia, è nata in noi anche l’esigenza di assumerci la responsabilità di contribuire a rendere migliore il contesto sociale e legale del paese in cui viviamo e nel quale crescerà nostro figlio.

Per concludere, immaginate due donne che si trovano come voi due all’inizio. Che cosa le direste?
Le diremmo di non pensare che la tecnica sia invasiva, dolorosa e lunga: in realtà dipende dallo stato di salute e dall’età di ognuna. La cosa migliore è valutarlo con un medico e agire di conseguenza. Inoltre, le diremmo di armarsi di pazienza. Ragazze: non fatevi scoraggiare dagli imprevisti e cercate di vivere il tutto con un po’ di ironia. Sarà un’esperienza arricchente per la vostra coppia e per voi stesse!
Si è trovata in una situazione simile? Condivida con noi la Sua esperienza! Può seguirci anche sulle nostre reti sociali.

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Lascia un commento

Messaggi consigliati

Start typing and press Enter to search