Sobre nosotros

Home > Riproduzione Assistita – Dubbi > Quanto tempo devo aspettare per effettuare un nuovo trattamento?

Quanto tempo devo aspettare per effettuare un nuovo trattamento?

2.355
4

Il tempo di attesa tra un tentativo e l’altro dipende dal trattamento seguito in precedenza: il nostro medico ci indicherà quando è un momento opportuno

Quanto tempo devo aspettare per effettuare un nuovo trattamento?

A volte la gravidanza si fa attendere e per ottenerla è necessario sottoporsi più di una volta a un trattamento di riproduzione assistita. Dopo il risultato di una beta negativa, alcune donne sono decise a riprovare e si chiedono quanto tempo debbano aspettare prima di iniziare nuovamente. La risposta varia da caso a caso ed è il trattamento precedente – inseminazione artificiale o fecondazione in vitro – a determinare il tempo di attesa.

Una volta deciso che vogliamo riprovare, bisogna innanzitutto parlare con il medico. Lui conosce la nostra anamnesi e ci aiuterà a chiarire eventuali dubbi e, insieme a lui, potremo valutare, in base al nostro caso, quando è consigliabile iniziare nuovamente a cercare la gravidanza.

Dopo un’inseminazione artificiale

Qualora abbia precedentemente eseguito un’inseminazione artificiale senza aver ottenuto una gravidanza, la donna potrà effettuare un altro trattamento al ciclo successivo. Si consiglia, tuttavia, di fare prima un’ecografia basale.

L’ecografia basale è un esame che si effettua all’inizio del ciclo mestruale tra il primo e il terzo giorno del ciclo, che analizza in profondità i follicoli antrali – le strutture che ospitano al loro interno l’ovulo e dove questo ha iniziato a svilupparsi – presenti nelle ovaie. Con questo esame, il medico si assicurerà che nell’utero della donna non rimangano follicoli del ciclo precedente: in questo caso, sarà il momento di iniziare nuovamente il trattamento.

Dopo una fecondazione in vitro

Dopo aver eseguito una fecondazione in vitro il tempo di attesa è leggermente superiore. In seguito al risultato di una beta negativa, è necessario aspettare che le ovaie tornino alla normalità dopo la punzione follicolare. In generale dovremo, quindi, far passare due o tre cicli. Dopo questa attesa, sarà giunto il momento di ricominciare.

In caso di un risultato di beta positiva, dopo il quale si produce un aborto, prima di riprovare sarà necessario far passare due o tre cicli.

Tuttavia, se abbiamo effettuato una fecondazione in vitro con donazione di ovuli, il tempo di attesa prima di riprovare sarà più breve. Dopo la beta negativa, una volta diminuita la mestruazione, si potrà ricominciare il trattamento per la preparazione endometriale.

In caso di dubbi riguardo al suo trattamento o se le serve una risposta più personalizzata, si può mettere in contatto con noi. La nostra equipe di assistenza al paziente sarà lieta di aiutarla.

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Cargando…
Showing 4 comments
  • Martina
    Rispondi

    Buongiorno. Vorrei riassumere la mia esperienza, per avere un vostro consiglio. Cerco una gravidanza dal 2015. Sia io che mio marito abbiamo 29 anni. Dal 2015 cerchiamo una gravidanza. Dopo vari esami, scopriamo che le cause della nostra infertilità di coppia sono ovaio policistico per me e oligospermia per mio marito. A luglio 2017 mi sono sottoposta alla prima stimolazione ovarica per icsi. Risiltato una blastocisti che è stata congelata, transfer rimandato a settembre 2017 per iperstimolazione. Beta positive ma aborto spontaneo alla 6a settimana. Non ho dovuto fare raschiamento, ginecologa mi consiglia di prendere pillola per tenere ovaie a riposo. A dicembre 2017 faccio seconda stimolazione per icsi. Come prima volta, congeliamo una sola blastocisti e transfer viene rimandato per rischio iperstimolazione. Transfer fatto a febbraio 2018, beta negative. Potrò fare un nuovo tentativo e indicativamente tra quanto? Preciso inoltre che a mio marito non è stato prescritto nulla per provare a migliorare motilità. Grazie

    • Eugin
      Rispondi

      Buongiorno Martina e grazie per il commento.

      Dopo 2 FIVET-ICSI si consiglia di completare lo studio. È strano che con una sindrome di ovaio policistico come indicato e un rischio di iperstimolazione, si riesca a congelare solo una blastocisti. Le consigliamo di realizzare cariotipo di entrambi, studio della cavità mediante HSC con BE. Per l’oligospermia del partner, il miglior trattamento è l’ICSI. Se c’è un elevato blocco di embrioni tra il giorno 3 e 5 nel laboratorio, si potrebbe valutare di trasferire gli embrioni al giorno 3 per poter cercare di realizzare vari transfer di embrioni per ciclo.

      Grazie, un saluto
      Dra. Mª Jesús López
      Medico della riproduzione assistita
      Eugin Clinic, Barcellona

  • elisa
    Rispondi

    Buon giorno
    Ho 40 anni ed ho fatto la mia terza fivet/icsi il 22ottobre con stimolazioni non superiori a 10 giorni con gonal per primi tre giorni a 300 unita più meropur a 75 poi dalla quarta giornata 150 gobal più 150 meropur. Pick up 7 ovociti ma al mio parare stracotti perché follicoli a 25 mm e 4 ovociti di buona qualità dicevano. Alla finr trasferiti due embrioni di grado due e beta negative. Quello che volevo sapere da voi perché vorrei un opinione differente dal centro di ottobre se dopo questa stimolazione quanto tempo drvo aspettare per un altro tentativo con stimolazioni.
    Grazie mille

    Elisa

    • Eugin
      Rispondi

      Buongiorno Elisa,

      Inffati, in generale, tra stimolazione e stimolazione si consiglia di attendere 3 mesi, ciò significa che si potrebbe iniziare di nuovo con le terze mestruazioni.
      Ci auguriamo di aver risolto i Suoi dubbi e restiamo a Sua disposizione per risolvere qualsiasi altro tema.

      Cordiali saluti dal team Eugin

Lascia un commento

Messaggi consigliati

Start typing and press Enter to search