Sobre nosotros

Home > Riproduzione Assistita – Dubbi > Tecniche di Riproduzione Assistita: minimizzando i rischi

Tecniche di Riproduzione Assistita: minimizzando i rischi

458
0

La Clinica Eugin è pioniera nell’applicazione di protocolli medici che praticamente eliminano le principali complicazioni in pazienti durante il trattamento

Tecniche di Riproduzione Assistita: minimizzando i rischi

 

La settimana scorsa, la stampa italiana riportava una triste vicenda avvenuta in Puglia, a Bari, dove una donna è morta in seguito a una complicazione durante un trattamento di fecondazione in vitro.

È un fatto che ci rattrista profondamente e ci uniamo al dolore della sua famiglia.

Questa triste notizia ci fa ricordare che neanche la medicina più moderna è esente dal rischio di complicazioni, per cui è di vitale importanza mantenere sempre l’esigenza nei rigidi protocolli medici che cercano di ridurre al minimo la possibilità che queste si producano durante il trattamento.

Nei nostri 15 anni di esperienza, durante i quali abbiamo realizzato più di 50.000 trattamenti di riproduzione assistita, non abbiamo mai dovuto affrontare nessun caso grave. Il nostro lavoro è aiutare le nostre pazienti a ottenere il loro sogno di essere madri, anteponendo la loro salute.

La nostra vera ossessione per raggiungere l’eccellenza nella pratica medica cerca, appunto, di minimizzare le situazioni impreviste.

Iperstimolazione precoce: nessun caso

Una delle complicazioni più conosciute durante un trattamento di riproduzione assistita è l’iperstimolazione come conseguenza della medicazione.
In questo senso, la Clinica Eugin è stata pioniera nell’applicare a tutte le sue pazienti e donatrici delle regole concrete di stimolazione che hanno permesso, al giorno d’oggi, eliminare la possibilità di soffrire di un’iperstimolazione durante la prima fase del trattamento, cosa che prima succedeva in uno 0,27% dei casi.

Puntura ovarica: minimo rischio

Meno abituali sono i problemi che si verificano durante la puntura ovarica, come può essere una perdita di sangue, una puntura nella vescica o una torsione delle ovaie, con una probabilità che ciò succeda pari a uno 0,42% dei casi.

Misure di prevenzione

Oltre a un rigido controllo sulle regole applicate alla medicazione, in Eugin adottiamo altre precauzioni per minimizzare la comparsa di complicazioni. Il giorno della puntura ovarica –che è sempre un intervento chirurgico, sebbene minore- le pazienti vengono controllate fino a due ore dopo l’intervento, e sono sempre esaminate da un anestesista.

Tutti i professionisti che realizzano questo tipo di interventi sono medici specialisti in riproduzione assistita, la cui formazione si verifica periodicamente e che vantano un’ampia esperienza precedente.

 

Riferimenti:

1. Complications related to ovarian stimulation and oocyte retrieval in 4052 oocyte donor cycles. Daniel Bodri, Juan José Guillén, Ana Polo, Marta Trullenque, Carolina Esteve, Oriol Coll. Clínica EUGIN. Reproductive Healthcare. June 2008.
2. Early ovarian hyperstimulation syndrome is completely prevented by gonadotropin releasing hormone agonist triggering in high-risk oocyte donor cycles: a prospective, luteal-phase follow-up study. Daniel Bodri, M.D., M.S.a,b, Juan José Guillén, M.D.a, Marta Trullenque, M.D.a, Katja Schwenn, M.D.a, Carolina Esteve, M.D.a, Oriol Coll, M.D., Ph.D. a, Clínica EUGIN, and b Universitat Autònoma deBarcelona, Departament de Pediatria, Obstetrícia I Ginecologia i Medicina Preventiva, Barcelona, Spain. Fertil Steril 2009

 

Ha dei dubbi? Lasci il Suo messaggio e riceverà il consiglio personalizzato dai nostri specialisti. Può seguirci anche sulle nostre reti sociali.

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Lascia un commento

Messaggi consigliati

Start typing and press Enter to search